vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Approfondimenti

Ricerca

Data
Date
Date

Elementi correlati

Mantova, Palazzo D'Arco, esterno

Risorsa turistica: Museo di Palazzo d` Arco
Il palazzo, già residenza dei conti d'Arco, con la sua ... >>>

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Collezione Paleontologica

Collezione paleontologica
Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2021


Iniziata dal nonno Giovanni Battista Gherardo (1739-1791) con un piccolo nucleo di reperti provenienti dalla Pesciara di Bolca, la collezione paleontologica di Palazzo d’Arco viene arricchita dall’incessante lavoro di raccolta di Luigi che, tra le numerose passioni naturalistiche che lo animano, pone nella paleontologia particolare interesse.
Armadi e cassetti sono letteralmente stipati di fossili provenienti soprattutto dalle zone che all’epoca potevano essere geograficamente più accessibili da Mantova, come il Veronese, il Piacentino, il basso Piemontese, la Toscana. La collezione conta all’incirca 5.000 pezzi, considerando anche le specie che in molti casi si reperiscono in considerevoli unità. Nelle vetrine paleontologiche della Sala di Seth, situata nella palazzina che ospita la sezione naturalistica del Museo di Palazzo d’Arco, sono invece esposti alcuni tra i pezzi più significativi della collezione, fra i quali spiccano alcuni esemplari di Pesci eocenici dell’alta Val d’Alpone (Bolca - VR) che costituiscono proprio il nucleo storico della raccolta, ancora in ottimo stato di conservazione: tra questi si segnalano un bell’esemplare di Platax plinianus, una Mene rhombea e uno di Sparnodus vulgaris, reperito in impronta e controimpronta. Una parte di questo primo nucleo di campioni fossili nel 1777 venne donata da Gherardo d’Arco alla “Regia Accademia delle Scienze e delle Lettere” e confluì in seguito nel Gabinetto naturalistico del Liceo Virgilio. Tra gli altri reperti esposti nelle vetrine storiche si segnalano numerose impronte interne e gusci di molluschi marini tra i quali un Chiton, appartenente ad un antichissimo gruppo ancora vivente, diversi esemplari di Ammonoidea e un Nautilus quasi completo.



Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo approfondimento? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 
 

Multimedia

986859436b6ee12485cff606b8f10ea1
PALAZZO D'ARCO
Entra nella sezione per visualizzare tutte le foto disponibili.
Itinerari
RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana

Ora et Labora
"Montecassino del Nord", "Cluny lombarda": due modi per definire lo ...

Sabbioneta, la città del pensiero

Sabbioneta, gli argini circondariali
opera idraulica iniziata nel XII secolo

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Cookie Policy | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!